Investimenti Immobiliari: confronto tra Canarie e Italia

Giu 25, 20 Investimenti Immobiliari: confronto tra Canarie e Italia

Le Canarie vengono spesso scelte come meta turistica per la bellezza territoriale e il clima favorevole, location ideale per chi ama ha una passione irrefrenabile per il mare cristallino.
Alcuni si trovano così bene da decidere di buttarsi in investimenti immobiliari alle Canarie, le isole offrono tante realtà in cui trovare immobili a prezzi vantaggiosi, comode e spaziose da poter utilizzare per uso personale o come investimento turistico.
Acquistare case alle Canarie è semplice ed economico in quanto vige un iter burocratico più snello di quello ad esempio italiano, con un regime fiscale sicuramente favorevole per chi decide di acquistare casa.

Come funziona e cosa dice la Legge spagnola sugli investimenti immobiliari alle Canarie

In Spagna acquistare un immobile è un investimento molto redditizio, un modo di accumulare una rendita senza fare troppi sforzi con il mero turismo. A facilitare tale formula è sicuramente la Legge spagnola che regola la disciplina.
Le Canarie, come il resto della Spagna, godono di un regime fiscale favorevole per chi vuole acquistare.
A seconda che si punti su un immobile già esistente o in fase di costruzione varia l’imposta di acquisto, che comunque ha un valore percentuale relativamente basso rispetto agli altri mercati immobiliari.
Unica eccezione a tale politica di un certo senso liberalismo fiscale, è che chi acquista e vuole trasformare le strutture in location turistiche ha l’obbligo di detenere la licenza anche se si tratta di un mero appartamento.

Mercato immobiliare alle Canarie: acquistare da privati o presso agenzie?

La RIC è l’acronimo di “Rete Immobiliare alle Canarie”, si tratta di una piattaforma che unendo il mercato immobiliare in loco alle Canarie permette di coordinare la domanda di acquisto e offrire garanzie all’acquirente mediate indagini sull’immobile eseguite dagli stessi professionisti.
Si consiglia a chi voglia acquistare alle Canarie di differire dai privati, in quanto in tal caso a differenza dell’Itala dove il notaio effettua indagini sull’esistenza di debiti sull’ammobili, alle Canarie in notaio sigla solo il patto questo implica che queste info vanno prese in autonomia ed è un rischio troppo grande.

Le Differenze tra investimenti immobiliari in Italia e alle Canarie

Secondo appurate indagini statistiche, i maggiori investitori immobiliari alle Canarie sono gli italiani, meta prediletta è Tenerife.
Il regime fiscale “agevolato” ha portato le Canarie ad incrementare i propri introiti grazie al settore immobiliare.
Un italiano che decide di fare degli investimenti immobiliari alle Canarie è soggetto alla tassazione spagnola, molto conveniente rispetto al regime fiscale italiano.
Le tasse vengono pagate in Spagna tranne per una ovvero l’IVE che è un’imposta sul patrimonio che si detiene all’estero, ovvero il patrimonio immobiliare che va versato allo Stato italiano.
Tra le voci per l’acquisto di una casa compaiono delle spese accessorie obbligatorie come le spese notarile, al di là della diversa funzione e ruolo svolto dal notaio in Italia e in Spagna, alle Canarie le spese per il notaio sono largamente inferiori magari anche per il ruolo meno decisivo nell’acquisto.
Veniamo ad un altro punto: qual’è la principiale differenza tra investire in Italia e alle Canarie? In Italia l’investimento immobiliare non è un mercato in grande ascesa, il tasso di interesse per mutui non sprona l’acquisto in loco, tranne per alcune agevolazioni per la prima casa, l’investimento immobiliare in Italia è più rivolto all’uso personale e provato ovvero ad uso abitativo, a differenza delle Canarie in cui l’investimento immobiliare ha una natura economica tale da permettere di vivere di rendita.
Chi acquista in Italia non smette di lavorare, ma in genere lavora per pagare il mutuo!