Cosa vedere in un weekend a Fes

Gen 15, 20 Cosa vedere in un weekend a Fes

 

Cosa vedere a Fes in un solo fine settimana? Moltissime cose! Fes è una città fantastica, che attrae migliaia di turisti ogni anno grazie al suo fascino esotico, raggiungibile con poche ore di volo

Come per il Marocco tutto, Fes è una città che si colloca non molto lontana dall’Europa, ma alle porte del continente africano, il che la rende una meta perfetta per i viaggiatori che vogliono immergersi in una cultura lontana e a tratti ancora sconosciuta, ma che non hanno molto tempo a disposizione. Per visitare Fes, infatti, possono tranquillamente bastare un paio di giorni.

Andiamo a conoscere, quindi, le attrazioni di Fes e i monumenti più importanti che hanno avuto il merito di renderla la città più spirituale di tutto il Marocco.

La Medina

Come moltissime città marocchine, Fes è divisa in diverse parti: la più antica e centrale, chiamata appunto Medina; la nuova Fes e la Ville Nuovelle, antica sede del protettorato francese.

Non si può non visitare la Medina di Fes. Si tratta, infatti, di quella meglio conservata di tutto il mondo islamico, nonché della più grande per dimensioni. Da lì, inoltre, si può arrivare a piedi ad un altro splendido monumento.

Medersa Bou Inania

Si tratta di uno splendido ed antico edificio, sede di una delle più belle scuole coraniche del paese. L’architettura della scuola è un chiaro lascito, il più importante forse, dell’arte del periodo merenide. 

A proposito di questo, a Fes è possibile visitare anche la Tomba dei Merenidi, da cui si gode di una vista ottima sulla città.

Di fronte alla scuola coranica, inoltre, si trova uno splendido Orologio ad acqua, che sicuramente merita una visita, in quanto esso rappresenta davvero un capolavoro di ingegneria risalente al XIV secolo.

 

I souq

I souq sono i tradizionali quartieri delle città orientali; essi pullulano di botteghe artigianali e di commercianti pronti a vendere ai turisti prodotti di ogni tipo. Lasciare Fes senza dedicare una visita al suo souq sarebbe un immenso peccato. 

In particolare, questa città è nota per avere uno splendido souq dei tappeti. Camminando per i viottoli del souq, infatti, i turisti si trovano letteralmente circondati da tappeti marocchini fatti a mano, ed esposti in ogni dove: per terra, dalle finestre, appoggiati ai muri delle abitazioni e ovunque sia possibile trovare spazio. 

L’atmosfera del quartiere è unica e tra questi viottoli è possibile trattare ottimi affari con i mercanti del luogo.

Medersa el-Attarine

È un bellissimo edificio la cui fondazione risale al 1325. Attualmente è impiegato come scuola coranica, ma è aperto al pubblico tutti i giorni.

Rappresenta un altro esempio dello stile merenide: costituito da un cortile centrale, circondato da piccole aule dedicate allo studio. 

Volubilis

Sito archeologico riconosciuto dall’Unesco, rappresenta i resti di un’antica città romana, fondata da mercanti cartaginesi. Sebbene non sia ancora stato portato del tutto alla luce, si stima che i 2/3 della città siano ancora sepolti, il sito induce ad apprezzare la saggezza e la maestria degli ingegneri romani.