Come scegliere il pavimento adatto

Dic 10, 19 Come scegliere il pavimento adatto

Solidità e resistenza, ma la funzione decorativa dove vogliamo lasciarla? Non c’è nulla di più importante dei pavimenti per definire l’indirizzo stilistico di un’abitazione. I pavimenti, infatti, devono essere in grado ovviamente di garantire alti livelli di funzionalità e di praticità, ma al contempo devono essere sufficiente belli e confortevoli per dare un tocco di eleganza di stile a tutta l’abitazione.

La scelta dei pavimenti più adatti per la propria abitazione si prospetta ogni volta più complicata, soprattutto per via della notevole quantità di materiali che si possono trovare sul mercato, a partire dalla ceramica fino ad arrivare all’acciaio, alle pietre, alla resina, al cemento, al legno e al parquet.

I migliori consigli da seguire prima di comprare il pavimento

La decisione sul pavimento migliore per la propria abitazione è inevitabilmente influenzata da un gran numero di fattori. Prima di tutto è necessario tenere in considerazione il tipo di ambiente, e lo stile d’arredo che lo caratterizza, in cui tale pavimento verrà inserito. In secondo luogo, è importante valutare come deve essere conservato e pulito il materiale prescelto, ma anche il budget a disposizione e l’impatto estetico che si prevede possa garantire una volta posato.

Il primo passo da fare è quello di misurare con calma e attenzione tutte le varie aree che devono essere rivestite. In secondo luogo, la scelta della pavimentazione non deve avvenire in base ad una mera considerazione estetica, ma è importante valutare anche il resto dell’arredamento già presente in casa, così come quali siano i colori più diffusi. Altrettanto fondamentale ricordarsi come le tonalità più chiare riescono a donare un effetto visivo decisamente più ampio. Tutto dipende, quindi, anche dall’effetto finale che si vuole ottenere dal materiale una volta posato: ogni materiale ha i suoi pregi da questo punto di vista.

I vari tipi di pavimenti

Il pavimento in resina ha dalla sua parte due vantaggi molto importanti, ovvero che è decisamente durevole e poi è facilissimo da pulire. Non solo, dal momento che consente di realizzare delle soluzioni decorative davvero molto interessanti, in modo particolare per mezzo della notevole varietà di finiture che si possono trovare in commercio: clicca qui per saperne di più.

Un altro tipo di pavimento molto diffuso è quello in pvc, che si caratterizza per essere notevolmente facile sia da pulire che molto rapido da posare. Nel corso degli ultimi anni, i modelli di pavimento in pvc si sono ampliati a tal punto da garantire soluzioni personalizzate in base alle proprie esigenze dal punto di vista cromatico e riescono ad adeguarsi alla perfezione ad arredi di stampo moderno.

Tra le tipologie più diffuse di pavimento troviamo indubbiamente quello galleggiante, che si caratterizza per essere realizzato con del materiale elastico. L’obiettivo principale, in questo caso, è di garantire un isolamento perfetto del solaio portante, rispetto al pavimento che si può calpestare. Tra le principali caratteristiche dei pavimenti galleggianti troviamo senz’altro il fatto di essere fonoassorbenti e con un massetto galleggiante che può contare su uno spessore minimo compreso tra 4 e 5 cm, nella maggior parte dei casi reso più resistente grazie all’integrazione con la rete elettrosaldata.