Requisiti per ottenere il mutuo prima casa

Gen 15, 20 Requisiti per ottenere il mutuo prima casa

Chi decide di acquistare la prima casa non è di certo una scelta facile ma va ponderata sotto tutti i punti di vista, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto finanziario.

È chiaro che per poter accedere ad un mutuo è necessario dimostrare all’Istituto di credito scelto la solidità del proprio reddito e la capacità di assicurare il pagamento nel corso degli anni.

Per spronare le giovani coppie ad acquistare la prima casa, molti istituti bancari propongono delle agevolazioni non indifferenti.

Se la propria attenzione è posta sulle case in vendita fognano parma , ecco i requisiti che occorrono per poter ottenere un mutuo.

Mutuo acquisto prima casa: requisiti anagrafici

Per poter dunque richiedere un mutuo è necessario avere la maggiore età ed essere cittadino italiano.

Naturalmente questo non significa che una persona di nazionalità straniera non possa richiederlo, ma deve dimostrare di avere un lavoro fisso e che viva in Italia da almeno 3 anni.

Secondo gli ultimi dati riportati, pare che il 13,6% dei mutui siano stati erogati ai cittadini stranieri che una volta su due hanno optato per il tasso fisso e non variabile.

Mutuo prima casa: il reddito

Il reddito è il principale requisito per richiedere un mutuo prima casa, senza quello non si va da nessuna parte.

Ogni banca calcola da sé la fattibilità dell’investimento e proprio attraverso determinati calcoli si potrà meglio comprendere se il beneficiario sarà in grado di restituire tutta la somma nel corso degli anni.

Se l’individuo dispone di un contratto lavorativo a tempo indeterminato, per cui il reddito è fisso e continuo, non ci saranno problemi a perseguire l’obiettivo sperato.

Tuttavia, per chi non dispone di un contratto stabile ci sono delle agevolazioni che andremo a vedere nel paragrafo successivo.

Come ottenere un mutuo: ecco le agevolazioni

Se non si possiede un contratto a tempo indeterminato, lo Stato mette a disposizione un valido strumento: fondo garanzia mutuo prima casa.

In pratica è possibile ottenere delle garanzie statali per un importo fino al 50% del mutuo.

Per poter accedere a tale agevolazione occorre che:

  • il mutuo non superi un importo di 250.000€;
  • il mutuo sia richiesto per l’abitazione principale;
  • l’immobile non sia di lusso;
  • non bisogna possedere altre abitazioni.

L’unica garanzia che la Banca richiede in questo caso è l’ipoteca sull’immobile.

Per chi ha un contratto indeterminato, la legge prevede anche la possibilità di richiedere un anticipo del TFR per l’acquisto prima casa.

Dunque in molti si chiedono se sia meglio optare per un mutuo per l’acquisto della casa oppure rivolgere l’attenzione sugli affitti.

Naturalmente in questo caso non possiamo fornire una risposta univoca ed esatta perché ogni caso è soggettivo.

Ma è chiaro che l’affitto può sembrare più conveniente fatta una prima analisi, in realtà se si valutano diversi aspetti si potrà meglio comprendere come non sia realmente una chiara e valida soluzione.

Quello che grava sugli affitti in particolar modo sono le tasse annuali.

Come riportano alcuni dati infatti, in Italia il peso finale sul reddito è maggiore del 15% con un impatto del 74% a differenza del mutuo.