Quando visitare la regione Campania?

Gen 24, 15 Quando visitare la regione Campania?

La Campania è terra da turismo tutto l’anno, forse come nessun altra regione italiana. Iniziamo con l’inverno, subito dopo Natale i monti della Campania si adattano perfettamente a un trekking invernale di altissimo livello. Non si scia, in Campania, eccetto che sui monti dell’avellinese che però hanno sempre meno piste innevate, ma grazie al bel tempo, si possono fare splendide escursioni. I Monti Lattari, le montagne che precipitano a picco sulla costiera amalfitana, si prestano idealmente a questa possibilità. Su per i sentieri che portano al santuario dell’Avvocata,  o sul sentiero degli Dei, sempre con Capri di fronte, o per la strada delle ferriere, si va per paesaggi bellissimi, con il mare vicino, una vegetazione odorosa, viste mozzafiato.

Si arriva, camminando camminando alla primavera, il momento in cui le città d’arte presentano il loro aspetto migliore. E quindi Napoli, innanzitutto, città straordinaria, in cui ci si muove tra Medio Evo e Rinascimento, Barocco e Rococò in un seguirsi di monumenti, affreschi, chiese, musei. Ma si può andare ancor più dietro nel tempo, visitando il Museo Archeologico, tra i più belli del mondo con i reperti di Pompei. E si può esplorare una città sotterranea, ancor più indietro nel tempo, alle origini greche di Partenope e di Neapolis. Ma anche Salerno merita una visita, con i suoi reperti longobardi e normanni, e il suo Centro Storico bellissimo e integro nell’impianto urbanistico, in cui troneggia il magnifico Duomo dell’XI secolo.

D’estate la costa campana offre tutte le possibilità: la parte settentrionale offre grandi spiagge, così come la zona di Paestum. La Costa d’Amalfi, una delle più belle e famose del mondo, dà spiaggette, rocce, un mare bellissimo. La Costa Cilentana infine è piena di sorprese, tra spiagge, acqua pulitissima, panorami rocciosi, paesini rimasti integri e autentici.

Arriva l’autunno, e anche in questo periodo ci sono tante opportunità, ad esempio si può andare per zone montane dove i castagni segnano il paesaggio e dove si possono gustare i frutti dell’autunno. Sono zone meno note, ma ugualmente ricche di suggestioni e di bellezze, dal confine con il Lazio fino ad Acerno in provincia di Salerno e Montella nell’avellinese. Per finire con il Natale che presenta le sue città al meglio del loro fascino, e su tutte è impossibile non visitare Napoli, con i suoi pastori da presepe a Via San Gregorio Armeno, o Salerno con la recente manifestazione delle Luci d’Artista, che richiami visitatori da tutta Italia.

E tutto l’anno occorre andare a visitare le isole, le bellissime Capri, Ischia e Procida, o i più famosi siti archeologici d’Italia, a Paestum, con i templi dorici e la città greca, e a Pompei, unicum mondiale.